sabato 9 giugno 2012

Riguardando "Un poeta per amico": tra "Telethon" e "Alle falde del Kilimangiaro" prevale l'amarezza di non aver fatto abbastanza

Poco Massimo, poche emozioni. Resta certamente l'amaro in bocca di un'occasione persa per ricordarlo in maniera non convenzionale, più sentita e sensata. Non ho cronometrato, ma credo che su due ore di trasmissione montata forse nemmeno la metà del tempo è stato impiegato a parlare davvero di Massimo Troisi e a dedicargli pensieri, ricordi, ringraziamenti. Ne è venuto invece fuori uno strano incrocio tra "Telethon" e una puntata di "Alle falde del kilimangiaro" che ha deluso molti.
Ero presente all'auditorium della Rai di Napoli durante la registrazione e solo riguardando poi tutto quello che hanno trasmesso in tv ho capito meglio le numerose critiche che hanno infuocato il nostro gruppo facebook. Alcune scelte sono risultate davvero incomprensibili, superficiali. Un esempio su tutti: l'intervento e il racconto del grande critico teatrale Enrico Fiore completamente tagliato. Si era prodigato in un lungo racconto, che certo doveva essere ridotto, ricco di deliziosi aneddoti su La Smorfia, i cui componenti erano stati definiti da lui "marziani". Invece nulla, in trasmissione si vede solo lui che avvicina il microfono alla bocca e poi stop. Stacco e andiamo avanti. Poi invece ci lasciano il racconto delle tastiere anni  '70 di Gaetano Curreri, a cui va comunque tutto il nostro rispetto. E pensare che le parole di Fiore erano una delle poche cose interessanti e inerenti della serata.  
E' solo un esempio, vi dicevo. Oltre tre ore di materiale registrato in studio, alcune delle cose scartate e non utilizzate erano le migliori. In sala, dal vivo, un qualcosina in più che c'entrasse con Massimo si era fatto. Niente di straordinario, certo, ma allo spettatore da casa non è rimasto nemmeno quello. Ed è comprensibile la delusione, nonostante il 14,4% di share che comunque testimonia la sete di Massimo che ancora oggi hanno gli italiani. Sete rimasta insoddisfatta per anni e che adesso si protrarrà chissà ancora per quanto tempo.
Ad ogni modo devo constatare ancora una volta, mio malgrado, che sono pochissime le persone che possono dare emozione e giustizia al ricordo di Massimo Troisi. Che sia arrivato magari il momento di dar voce alla gente comune, non famosa, anche se non ha avuto la fortuna di conoscerlo direttamente? Proprio ieri ho letto una dichiarazione di Lello Arena che sembra pensarla allo stesso modo: "Massimo doveva essere messo in condizione di recitare ancora. Lui resta fonte di ispirazione non ricordo asettico. Vive tra la gente. Sarebbe stato importante veicolare le testimonianze di cittadini comuni che spesso incrocio: mi abbracciano, si commuovono soltanto perchè ho avuto la fortuna di lavorare con lui, di vivere il quotidiano con lui. Ecco, questa sarebbe stata la vera commemorazione di un personaggio unico e intramontabile". A costo di peccare di presunzione tiro in ballo noi, il nostro gruppo, composto da tanti irriducibili con una forte passione e una storia da raccontare riguardo Massimo. Emozione e qualità, anche se non dovrei dirlo io. Però vuoi mettere che non costiamo niente e che al posto di martellare la gente con l'sms solidale in beneficenza in Africa ci mandi direttamente i soldi, pur risicati, della produzione? Conosciamo veramente Massimo, non come alcuni passati dalla Rai di Napoli lunedì che probabilmente non sapevano nemmeno chi era, avremmo fatto sicuramente una cosa più emozionante, di contenuto, con criterio. Avevo inviato alcuni dei post di questo blog a Enzo, riguardanti la poesia e l'accostamento di Massimo a grandi poeti e scrittori. Magari non avrà avuto nemmeno il tempo di leggerli. Ma c'erano sei (e dico, sottolineo sei) autori preposti a scrivere un programma, sei menti che dovrebbero far questo di mestiere. Si poteva e si doveva tirar fuori di più. Mancava un'idea, un collante, un nesso, un filo rosso. Io, che non sono nessuno, butto lì un'idea: si poteva procedere per parole chiave tratte dai lavori di Massimo, con letture, riflessioni, citazioni. Amore, malattia, lavoro, religione, poesia, politica e così via. E invece troppa musica (alcune canzoni decisamente fuori tema), pochi fatti. Io che a volte mi chiedo se davvero sarei in grado di fare questo mestiere in questa occasione ho intravisto lampi di ottimismo personale.
Una domanda mi sorge poi spontanea: Enzo Decaro ha almeno supervisionato il montaggio? Ma soprattutto chi e come ha montato il tutto? Sul finale si sente Enzo, in un frangente tagliato malissimo, parlare come se la pianista Rita Marcotulli avesse tradotto un qualcosa in lingua napoletana. Quello che poi si scopre essere la poesia brasiliana riscritta in dialetto da Massimo. Emerge una certa improvvisazione e il pubblico, che non è stupido, se ne accorge. Ci sarà stato sicuramente poco tempo per le prove e solo la postproduzione ha celato, a volte maldestramente, i diversi errori e problemi tecnici della serata. Sono dell'opinione che una cosa o la si fa bene o non la si fa affatto. E che Massimo meritava una cosa fatta bene. Artisti senza alcun legame con lui messi lì in vetrina sembravano improvvisare anche loro (il leader degli Stadio canta una canzone del suo maestro Lucio Dalla con un foglietto in mano per leggere le parole???). Tra tutti salvo Enrico Fiore (che ho potuto ascoltare solo io), il grande Renato Scarpa (ma qui nessuna sorpresa) e  l'intervento di Anna Pavignano. Di ottima fattura anche il duetto sax soprano-sax tenore targato Di Battista-Senese, prodigatisi in una canzone scritta da Massimo a quattro mani con Gaetano Daniele. Il resto è noia, condito dalla demagogia spicciola di Alessandro Siani che gioca sul sicuro nell'accattivarsi le folle giocando sullo psicodramma Equitalia, apre il contributo video parlando inspiegabilmente della vittoria della Coppa Italia, sfoggia una furba riverenza verso il nostro (non si fa mancare un pizzico di retorica: Massimo era nei cuori della gente già prima della sua morte) e parla nostalgicamente di una Napoli "non banale, educata, dolce, arguta" salvo poi fare di un personaggio come Tatore il suo cavallo di battaglia. E vogliamo sorvolare sull'errore relativo alla data della morte di Massimo, un "5" giugno ridoppiato malissimo in "4" da qualcuno in Rai. 
Nobilissimo il fine della beneficenza (400 mila euro raccolti via sms), nulla da dire sulle buone intenzioni di Enzo Decaro. Non credo assolutamente a speculazioni di sorta o a scelte fatte in malafede e per convenienza. Si è sbagliato, è venuta fuori una cosa sicuramente non soddisfacente. Per fretta, inadeguatezza o non so cos'altro.
Chiudo ritornando per un attimo su Renato Scarpa, di cui forse pochi conoscono bene lo spessore umano, svelando un aneddoto che serve a inquadrare meglio un uomo, prima che un attore, di altri tempi. Alla Massimo, potremmo dire. Uno dei pochi che quando parla di lui si illumina, si commuove e si emoziona sempre, gli è sinceramente grato, proprio come noi. Sei certo che non ha secondi fini, materiali o egocentrici. Lunedì sera ha dovuto ripetere il suo ingresso con la bici due volte e tra la prima e la seconda aveva il microfono acceso. Si è sentito chiaramente quando ha detto a Decaro: "No, non dico cose non vere". Ho capito durante il suo intervento di cosa parlava, anche conoscendo alcuni retroscena. Ha detto davanti alle telecamere che la bici che aveva tra le mani era quella che usava perlopiù Gerardo Ferrara, controfigura di Massimo ne "Il postino". Volevano che dicesse diversamente, non l'ha fatto e hanno poi tagliato il relativo passaggio nel montaggio definitivo, in cui resta solo Decaro che ringrazia il sindaco di San Giorgio per aver concesso la bici. Racconto questo episodio non per far gossip, ma per far conoscere meglio di che pasta è fatto Renato Scarpa, professionista silenzioso e grande persona, conosciuta di recente a San Giorgio a Cremano. Mi piacerebbe molto vedere, anche se so per certo che non ne avrò mai la possibilità, un qualcosa organizzato e gestito proprio da lui in memoria di Massimo. Sono sicuro che metterebbe d'accordo molti di noi, se non tutti. Basta poco, basta il cuore.
Cristiano

4 commenti:

  1. Anna Pavignano9 giugno 2012 14:48

    Mi sembra un commento equilibrato, argomentato e sentito. Su alcune cose sono d'accordo, su altre meno, ma non si deve essere sempre d'accordo: l'importante è parlare in modo costruttivo e questo articolo mi sembra che lo faccia. Tante cose ci sarebbero da dire a 'discolpa' di chi ci ha lavorato, ma non serve, perché è vero che quel che conta è il risultato.Anche questo con aspetti buoni e meno buoni. Con affetto che sento reciproco, Anna.

    RispondiElimina
  2. Diego Di Franco9 giugno 2012 22:23

    Con questo post hai unito in sintesi i pensieri di tutti noi del gruppo in maniera eccelsa.....forse sarei stato un po' più cattivo, ma va bene così. Grazie Cristiano

    RispondiElimina
  3. Giuseppe Gifuni10 giugno 2012 02:05

    Sono daccordo con Anna, le critiche non tutte sono sincere, alcune condizionate è condivise senza aver visto la trasmissione, soltanto per apparire nella massa, il tuo articolo è professionale ma anche sincero, ti conosco scrivi quello che pensi ma con rispetto. Sei un grande amico mio... posso solo aggiungere che è stato ricordato con una buona causa, come disse Massimo < la miseria da fastidio >
    Giuseppe Gifuni

    RispondiElimina
  4. Ho cercato di far passare qualche giorno, di commentare un attimino più a freddo. Anche io dentro ho l'affetto per Massimo che ribolle, ma occorre veicolare il pensiero in maniera ponderata e moderata, secondo me. Grazie a voi, spero di vedere questa partecipazione anche ad acque calme ;)

    RispondiElimina

"Ricordati che..." puoi commentare! Scrivi la tua riflessione riguardo al post.