martedì 23 dicembre 2014

Una poesia per Massimo


Una splendida, sentita poesia dedicata a Massimo Troisi, scritta nel dialetto che gli era tanto caro. Io e Massimo la ascoltiamo col cuore, fuori la casa rosa di don Pablo. E nella foto qui sopra lui sembra chiedermi: "Ma over è pe' mme sta poesia?". Certo Massimino, tu sei questo e molto altro.

Complimenti a Davide Rocco e grazie ad Anna per averla scovata.
 

A Massimo Troisi

Cu 'a faccia sorridente e cu 'e capille ricce
Ire napulitano cu 'a faccia d''o scugnizze
Parive sempe timido e sempe in imbarazzo
Risposte sottovoce ma ce lassave 'e sasso

Battuta sempe pronta, simpatico e solare
Ire talmente grande... pareva 'e guardà 'o mare
Song' film e situazioni ca hanno cuntato tanto
Si' muorto 'a tantu tiempo... ma te sanno tutti quante

Partito da San Giorgio si gghiuto assaie luntano
Ma nunn'aie perze niente d''o viecchio napulitano
Fama e ricchezza cagnano, ma tu si' rimasto 'o stesso
Aie fatto nu sulo errore... te ne si' gghiute ambresse.
 

4 commenti:

  1. Grande Cristiano,come sempre,e' proprio vero si,lui avrebbe fatto precisamente questa domanda meravigliandosi che qualcuno avesse scritto qualcosa do cosi' bello per lui:Ma overo e' ppe mme sta poesia???
    Eccezionale!Grazie a te Cristiano e grazie ovviamente all'autore di questa poesia Davide Rocco che mi auguro di conoscere presto!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie per i bei commenti e le splendide parole.
    Questo blog è molto bello: mi farò vivo anch'io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei il benvenuto, quando vuoi. Grazie a te.

      Elimina

"Ricordati che..." puoi commentare! Scrivi la tua riflessione riguardo al post.